News
  1. Tam Tam sogna l’NBA
  2. Torneo Internazionale di Basket “Guido Guidelli”
  3. Dona il tuo 5×1000 a Tam Tam Basketball
  4. Tam Tam Under 15 passa alla seconda fase!
  5. Stade 2 (France 2 TV) su Tam Tam Basketball
it Italiano

Staff

head coach e allenatore Under 18

Head Coach Massimo Antonelli

Tam Tam Basket Massimo Antonelli

Per me Tam Tam significa sentirsi utili, dare un’opportunità, un momento di gioia, là dove ce n’è più bisogno.

 

 

Allenatore Under 15

Coach Vittorio Scotto

Tam Tam Basketball
Nationality
ita Italia

C’era già da anni questo mio pensiero di voler condividere questo progetto: sapevo in cuor mio che volevo abbracciare il progetto di Massimo, che considero un progetto geniale, con un’incidenza sociale paragonabile a quella di un’istituzione scolastica, se non di più. I ragazzi qui vengono motivati, vengono accettando le nostre regole e gli obiettivi. Quest’anno le cose sono cambiate, in modo che la qualità e la quantità del lavoro vadano di pari passo con la crescita di questi ragazzi. Cerchiamo di dargli delle regole, ma soprattutto di dargli un porto sicuro in cui loro sanno di poter attraccare: sanno che se le regole condivise non vengono rispettate, quel “porto” per loro resta chiuso. Hanno tutti situazioni particolari alle spalle, ognuna diversa dall’altra, per cui più che alle vittorie, qui badiamo alla crescita personale dei ragazzi. Se la ruota è costruita bene, ed è oliata bene, continua a girare e si fa un buon lavoro con questi ragazzi, che crescono convinti delle loro potenzialità e della possibilità di raggiungere obiettivi sempre più alti.

 

 

Allenatore Under 13

Coach Remo Petroccione

Tam Tam Basket
Nationality
ita Italia

Quando mi è arrivata la chiamata di Massimo ero in Olanda, in bicicletta, in una bella cittadina sulle sponde dell’Issel… ho subito apprezzato l’interesse nei miei confronti ed il progetto di basket sociale, anche perché, da capo scout, mi stanno molto a cuore tutte le realtà di crescita ed educazione. Da istruttore giovanile di pallacanestro in attività da 38 anni, ho dovuto rimodulare i miei interventi ed il mio modo di insegnare basket ma credo che valga la pena di essere pazienti in attesa che i semini che si piantano giorno dopo giorno portino tanto frutto in tutti i campi della vita dei ragazzi e ragazze. Intanto grazie a Massimo ed ai soci che investono tanto per un progetto unico al mondo.

Per i ragazzi e ragazze penso sia una grossa opportunità per vivere una storia di rapporti, rispetto delle regole, attività fisica e apprendimento di uno sport di squadra che a loro piace tanto, come tanti aspetti della vita americana… Fanno tanti sacrifici per arrivare al campo per gli allenamenti, perciò spero capiscano in fretta che vale la pena mettere a frutto tutto il tempo a disposizione con un giusto comportamento ed applicazione, perché anche la parte sportiva del progetto deve avere la sua giusta importanza e deve portare i suoi giusti frutti…

 

 

Assistant Coach e Preparatore atletico Under 15 e Under 13

Preparatore atletico Antonio Vetrano

Nationality
ita Italia

Quando Massimo mi chiamò a settembre per cominciare questa nuova avventura, non avrei mai immaginato quanto stimolante e affascinate potesse essere questa esperienza. Appena misi piede in palestra mi resi conto di quanto lavoro c’era da fare, ma nello stesso tempo realizzai che stavo per vivere qualcosa di unico. Sapere di poter contribuire alla crescita, e dar modo a questi ragazzi di realizzare il proprio sogno non ha prezzo. Questo progetto è sicuramente un’opportunità unica, che dà a questi ragazzi un’alternativa in una realtà che non ha molto da offrire. Ringrazio Massimo per la fiducia che ha riposto in me e soprattutto lo ammiro per quello che ha fatto e che continua a fare per questo ragazzi.

 

 

Psicologa

Psicologa Annamaria Meterangelis

Mio padre mi ha messo un pallone in mano a 10 anni e gli sarò grata per tutta la vita… perché quel pallone non è stato un semplice pallone da tirare in un canestro o da palleggiare in solitudine. Sì, perché si può tirare e palleggiare da soli ma per il passaggio no: c’è bisogno di un altro cui passare. Il pallone è stato così un “testimone” che è andato di mano in mano… piccole, grandi, forti, deboli, bianche, nere… che hanno consentito d’intrecciare storie lunghe o brevi, relazioni più o meno intense che durano ancora oggi sotto forma di amicizia. Perciò auguro ai bambini di Tam Tam di diventare, sì dei campioni nello sport ma, soprattutto, dei campioni nella vita perché questo resterà nel tempo! E… grazie a Massimo Antonelli, che… gli ha messo un pallone in mano!